Intervista al vincitore del Premio Indie Game 2023: Gran Premio – LKA

“Martha Is Dead”, un gioco sviluppato dal team indie italiano LKA, racconta l’emozionante e inquietante storia di una coppia di sorelle gemelle durante gli ultimi anni della Seconda Guerra Mondiale, toccando temi delicati legati alla malattia mentale.

Sebbene siano state necessarie modifiche significative prima dell’uscita sul mercato per contenere le sue immagini grafiche e cruente, il gioco è stato comunque lodato dai giocatori di Steam per i suoi effetti visivi sorprendenti, la trama avvincente e i diversi enigmi. Anche i giudici dell’Indie Game Award 2023 hanno apprezzato il gioco, assegnando a “Martha is Dead” il premio Grand Prix. Luca Dalcò, fondatore e direttore di LKA, ha rivelato di essersi ispirato alla sua empatia per le persone affette da malattie mentali, avendo amici e familiari affetti da tali patologie. Per quanto riguarda la controversa rappresentazione dell’orrore e del gore nel gioco, ha sottolineato che non è stata utilizzata per guadagnare pubblico o vendite, ma piuttosto come mezzo per esprimere l’orrore.

Esplorare i problemi sociali con i giochi

Il fondatore: I videogiochi dovrebbero incorporare questioni sociali nei loro contenuti.

Luca Dalcò ha espresso una particolare empatia per le persone che soffrono di malattie mentali, in quanto ha amici e parenti che ne sono affetti. Ha sottolineato che si sente profondamente rattristato da coloro che mancano di rispetto e sensibilità verso questo problema. Pertanto, spera di poter raccontare le storie di queste persone senza sminuire quanto sia terribile la malattia mentale.

“I videogiochi hanno bisogno di questo tipo di contenuti, e come sarebbero i film di oggi senza di essi?”. Il primo gioco di LKA, “The Town of Light”, era tratto da una storia vera ed esplorava la schizofrenia. Luca Dalcò ha sottolineato che questa è la seconda volta che producono con successo un gioco che parla di temi sociali, umanità e sofferenza. Ha sottolineato che questo risultato è stato molto speciale per lui, perché ha dimostrato che gli sviluppatori di videogiochi possono migliorare lo status culturale dei videogiochi portando più opere di questo tipo nel mainstream. Pertanto, il suo team continuerà su questa strada.

Scegliere la macchina fotografica, un occhio che osserva la realtà, come elemento risolutivo del puzzle.

In “Martha Is Dead”, l’elemento di risoluzione dei puzzle incentrato sulla telecamera del gioco ha lasciato un’impressione profonda sui giocatori. Luca Dalcò ha spiegato che la telecamera in sé non aveva un significato particolare per il team, ma ha svolto un ruolo cruciale nel gioco. La telecamera è un occhio che osserva la realtà, aggiungendosi al campo visivo del protagonista. Attraverso l’obiettivo della telecamera, i giocatori potevano cercare una prospettiva oggettiva dell’ambiente circostante. Tuttavia, ha sottolineato Luca Dalcò, “ma che è altrettanto ingannevole dello sguardo del protagonista”.

Per quanto riguarda la controversa rappresentazione dell’orrore e del gore nel gioco, Luca Dalcò ha sottolineato che non è stata usata per guadagnare vendite, ma piuttosto come mezzo per raccontare l’orrore. L’orrore della guerra e della malattia mentale non può essere rappresentato con altro che con immagini potenti che muovono profondamente le emozioni dei giocatori, guidandoli verso l’empatia con il protagonista. Questo, infatti, è lo scopo preciso del gioco.

Luca Dalcò ha sorriso parlando della vittoria del premio IGA2023 Grand Prix. Ha detto che vincere un premio del genere può cambiare qualcosa all’interno di una persona. Quando le sue idee e il suo team ricevono un premio così importante, soprattutto da un luogo lontano e con una cultura così diversa da quella italiana, diventa ancora più speciale. È una forte motivazione per il team a impegnarsi per fare sempre meglio.

  • Annuncio del vincitore del Premio Indie Game 2023 :

*Fonte presa e tradotta da gamepress

You may also like...